Home Attualità Firenze Maggio Musicale in crisi, ma aumentano gli stipendi ai dirigenti. È...

Firenze Maggio Musicale in crisi, ma aumentano gli stipendi ai dirigenti. È polemica

0
SHARE

Il teatro del Maggio è in crisi, ma aumenta i compensi ai suoi dirigenti. Sale il compenso di Alberto Triola, che nelle scorse settimane è passato da ruolo di direttore operativo a quello di direttore generale. E insieme all’incarico è cresciuta anche la paga.

Se prima Triola percepiva 110 mila euro di “fisso” a cui si aggiungevano 22.500 euro di premio per il raggiungimento degli obiettivi del piano industriale, ora il suo stipendio è di 135 mila euro più 15 mila di premio.

Ma quello di Triola non è l’unico aumento del Maggio Musicale Fiorentino. In aumento anche lo stipendio del responsabile dell’area tecnica e della sicurezza Silvano Cova, che passa da 80 mila e 100 mila euro l’anno. E con una situazione già incandescente, vista l’orchestra platealmente ostile al sovrintendente, quello degli aumenti di stipendio è un nuovo caso che scoppia e interpella anche la politica.

Firenze Maggio Musicale: Grassi chiederà conto alla giunta Nardella per l’aumento degli stipendi

Gli aumenti sono opportuni vista la crisi del Maggio fiorentino? Questa la domanda che nasce spontanea visto che la quota di finanziamento del Fus infatti è ancora bloccata e il festival soffre di una situazione debitoria a dir poco problematica. Insomma una situazione in cui un aumento dei compensi dei dirigenti, che sono 9 e complessivamente hanno stipendi annuali da 1.100.000 euro, sembrerebbe una mossa fin troppo azzardata.

A far scattare la polemica sono stati i sindacati, già sul piede di guerra. Ma non sono gli unici ad essersi interessati alla questione. Tommaso Grassi, capogruppo di Sel in Consiglio comunale, chiederà conto di questi aumenti alla giunta Nardella.

Fonte: repubblica.it