Home Cronaca Carcere di Sollicciano, “Calpestata la dignità di detenuti e dipendenti”

Carcere di Sollicciano, “Calpestata la dignità di detenuti e dipendenti”

0
SHARE

Viviamo come le bestie”, la lettera delle detenute di Sollicciano e l’appello di SEL Toscana: “Necessario intervento urgente di riqualificazione”

A seguito del sopralluogo avvenuto lo scorso 30 Dicembre ad opera di una rappresentanza di Sel Toscana, la deputata Marisa Nicchi denuncia la situazione “di degrado” in cui verte il carcere Sollicciano di Firenze.

A detta dei deputati firmatari della denuncia, con la quale chiedono un intervento urgente da parte del Governo, i detenuti vivrebbero in condizioni disumane dovute alla fatiscenza dell’edificio. Infiltrazioni d’acqua, pareti ammuffite, umidità e materassi bagnati: un gruppo di detenute aveva descritto le pessime condizioni dell’edificio in una lettera.

La situazioni delle strutture delle carceri, in Italia, è critica più o meno ovunque” ammette la Nicchi, “Ma quella di Sollicciano è inaccetabile

Carcere di Sollicciano, “Urgente intervento di riqualifica, siamo in un Paese civile”

Si arriva dunque alla presentazione dell’appello ufficiale, appoggiato anche dalla senatrice Petraglia, i consiglieri per Sì-Toscana a Sinistra Fattori e infine Sarti, Grassi, Trombi e Donatella Verdi di Firenze riparte a sinistra. 

Anche l’Asl aveva attenzionato il problema nei mesi scorsi, dopo i rilevamenti effettuati tra il mese di Ottobre e Novembre, quando ha certificato l‘inagibilità della struttura.