Home Cronaca È ai domiciliari ma non sopporta la famiglia: “Portatemi in galera”

È ai domiciliari ma non sopporta la famiglia: “Portatemi in galera”

0
SHARE
È ai domiciliari ma non sopporta la famiglia: “Portatemi in galera”

Un quarantenne tunisino, attualmente agli arresti domiciliari, ha minacciato di buttarsi dal balcone di casa e di aggredire i propri familiari se non fosse stato portato in carcere. Una richiesta che sarebbe stata avanzata perché l’uomo non sopporta più la convivenza con moglie e figli.

Ma quando ha appreso che le forze dell’ordine non avrebbero potuto soddisfare la sua richiesta senza un ordine del giudice, ha dato in escandescenze e, alla fine, è stato arrestato. L’accusa è di minacce a pubblico ufficiale. Quando sono arrivati, i carabinieri hanno trovato ad aspettarli l’uomo munito di un borsone, contenente vestiti ed effetti personali, e di tutta la documentazione relativa al suo stato di detenzione.

Non sopporta moglie e figli, minaccia di far loro del male

Ma quando ha espresso la volontà di andare in carcere, i militari gli hanno spiegato che non potevano scortarlo in prigione senza un provvedimento del giudice e che per il momento poteva solo calmarsi e tornare in casa. Le parole dei carabinieri però non sono servite a placare la sua rabbia.

In un evidente stato di agitazione, l’uomo si è confidato con i carabinieri, dicendo di essere costantemente nervoso e di non sopportare più la convivenza forzata con la famiglia. Il tunisino ha infatti continuato a minacciare di fare male alla sua famiglia se non lo avessero portato in carcere. Non avendo alternative per risolvere la situazione, i carabinieri hanno chiamato il magistrato di turno e hanno arrestato l’uomo.

Fonte: Corriere.it